l varicocele è una malattia che colpisce le vene dello scroto, quella sorta di sacchetto che ha la funzione di proteggere e contenere i testicoli, tenendoli separati dal resto del corpo per mantenerli a una temperatura leggermente più bassa.

 Le arterie e vene presenti, responsabili dell’afflusso del sangue ai testicoli, possono andare incontro a un processo di dilatazione e d’ incontinenza, causando così quello che in medicina viene definito varicocele. Il disturbo compare più spesso in età puberale senza dare sintomi particolari.
Ma è una causa di infertilità e per questo occorre una diagnosi tempestiva. Ne soffrono circa 200mila adolescenti italiani tra gli 11 e i 17 anni e due milioni di adulti tra i 18 e i 65 anni. Parliamo del varicocele, disturbo caratterizzato da un’anormale dilatazione delle vene spermatiche, che nella grande maggioranza dei casi è asintomatico. Talvolta può essere avvertito un senso di pesantezza a livello dello scroto, che compare in genere dopo una giornata trascorsa in piedi o dopo aver fatto attività sportiva. Meno spesso gli interessati provano dolore al testicolo e solo nei casi più avanzati sono ben palpabili le vene all’interno del sacco scrotale.

L’innalzamento di temperatura a livello del testicolo, dovuto al reflusso di sangue, può causare nel tempo un danno alla mobilità e alla crescita degli spermatozoi, provocando una ridotta fertilità.

Per rilevare la comparsa di varicocele, ad esempio, basta una prima visita con lo specialista andrologo o urologo nell’età dello sviluppo. Durante la pubertà questa patologia non è pericolosa, ma può alterare la maturazione e la funzionalità dei testicoli. Nella maggior parte dei casi è sufficiente fare controlli periodici con un ecodoppler per tenere sotto controllo la situazione. Solo in caso di varicocele di grado elevato o sintomatico (associato a dolore), di testicolo di dimensioni inferiori al controlaterale o di alterazione della fertilità si deve procedere con l’intervento chirurgico, che può aumentare le probabilità di concepimento di un figlio fino al 70 per cento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *