Fotolia 100125079 M

La connessione tra infertilità maschile e stress, è ormai una problematica crescente nell’ambito della salute. Molti studi ne indagano la natura multifattoriale. I miglioramenti tecnologici, i cambiamenti climatici e dello stile di vita hanno aumentato il numero degli agenti stressanti a cui oramai si è quotidianamente esposti. Dunque, il livello di stress e lo stile di vita, influiscono sulla qualità del liquido seminale, producendo un cambiamento ormonale che conduce alla connessione tra l’infertilità maschile e stress.

Qual è il legame tra infertilità maschile e stress

La sintomatologia dello stress racchiude le manifestazioni psicofisiche che il soggetto si ritrova a vivere nel momento in cui vive per brevi o lunghi periodi situazioni avverse che recano una pressione psicologica interna. Tra i sintomi principali ritroviamo, la fatica, l’irritabilità, disturbi del sonno, perdita dei capelli, invecchiamento accellerato, immunosoppressione, malattie cardiache, ipertensione, depressione, obesità, disfunzione erettile ed appunto infertilità.

Lo stress responsabile dell’infertilità maschile

Nel particolare, la connessione tra infertilità maschile e stress è associata all’interruzione del normale funzionamento del corpo con ripercussioni dannose a carico delle cellule endoteliali, aumentando così la probabilità di insorgenza di malattie cardiovascolari, alterando il DNA spermatico ed aumentando l’infiammazione. Notevoli studi affermano come l’infertilità maschile e stress sia collegati, in quanto lo stress influisce sull’asse HPA e porta così ad una diminzione della secrezione di testosterone dalle cellule Leydig, inibendo la spermatogenesi. Situazioni stressogene, aumentano il livello di cortisolo come difesa dell’organismo all’ambiente ostile, attivando l’asse HPA, per mantenere un equilibrio. Uomini particolarmente stressati da situazioni quotidiane, potrebbero avere livelli di testosterone minori, una riduzione della concentrazione e della mobilità dello sperma.

Disturbi del sonno ed infertilità

Dunque, i livelli di stress, lo stile di vita e l’ambiente in cui una persona vive influiscono sulla qualità spermatica e sui cambiamenti nello stato ormonale e, in ultimo, sull’ infertilità maschile.

E’ importante avere una regolarità del ciclo sonno veglia, per il benessere psicofisico, inclusa la capacità di far fronte allo stress. I disturbi del sonno, aumentano i livelli di stress, aumentando i livelli di cortisolo ed il ritmo endocrino circadiano. Vi è uno squilibrio ormonale e fisiologico, aumentando la probabilità di depressione, disfunzione erettile ed infertilità. Il cortisolo regola i livelli di testosterone, ed il sonno influenza invece i livelli di cortisolo, risulta importante dormire sufficientemente per preservare l’omeostasi ormonale. Uno stress prolungato accompagnato da alti livelli di cortisolo può contribuire anche all’obesità ed alla sindrome metabolica, stimolando l’asse HPA. Vi è una diminuzione di testosterone, un abbassamento della libido e della vitamina D, obesità, depressione, debolezza muscolare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *