La maternità di Gabriella, una storia a lieto fine

La maternità di Gabriella è una storia a lieto fine, la racconta lei stessa.

La mia maternità, raccontata in una storia e questo mi fa riflettere su quanta fortuna io abbia avuto.
Dopo 8 anni senza concepire e 6 anni nel ricercare una gravidanza girando vari centri soprattutto all’estero, perché il mio “caso è un caso disperato” così era stato descritto nel primo centro a cui c’eravamo rivolti a Torino. Mi sono sposata a 38 anni, e già risultava “tardi”. Infatti fino all’ età di 41 anni ho provato vari tentativi di fecondazione omologa a Torino. Da qual momento in poi il valore del mio ormone antimuleriano è sceso sempre di più fino ad essere inferiore al limite per poter riprovare un ulteriore ciclo di fecondazione omologa. Così abbiamo iniziato i nostri viaggi della speranza in Spagna, che sono risultati sempre un fallimento. Fortunatamente dopo l’abolizione del divieto per l’eterologa in Italia, mi sono rivolta al centro Gatjc,

La Maternità di Gabriella

La maternità grazie alla Fecondazione eterologa

Nonostante l’incredulità da parte di mio marito e dei miei familiari, che potesse esserci un centro d’eccellenza nazionale e soprattutto autorizzato dal centro nazionale trapianti per fare l’eterologa proprio a Gioia Tauro. Quando ti ritrovi in queste situazioni, l’unica cosa che riesci a mantenere certa, è il tuo desiderio di maternità. Senti mille informazioni, mille proposte, mille esami da dover effettuare, insomma, solo confusione. Avere una guida, un punto di riferimento è l’essenziale per vivere bene questa esperienza. E noi siamo stati fortunati in questo, abbiamo avuto più di una guida. Già dalla prima consulenza, avevamo capito di essere in un luogo diverso e speciale. Una consulenza dedicata totalmente a noi senza fretta, senza freddezza ma con l’unico obiettivo di farci sentire accolti e compresi così da poter capire bene la situazione  e trovare il modo migliore per poter raggiungere il nostro obiettivo, raggiungere la maternità e la paternità.  Dopo il primo transfer andato male, arriva il momento dell’incontro eterno con l’amore della mia vita. Nonostante i primi mesi passati a letto, in quanto è stata una gravidanza un po’ a rischio, oggi sono la donna più felice del mondo.
Grazie Gatjc, grazie di avermi ridonato la vita.