mammafiglio6

Buongiorno, mi chiamo Ester ed ho lottato anch’io, parecchio, prima di potere vivere la gioia di essere mamma.

Avere ottenuto la gravidanza dopo 5 transfer, però, non è stato semplice, anzi! Vivere il ” durante” rappresenta un momento di forte stress, forte tensione ma soprattutto dove ogni parte di te, viene messa alla prova. La parte emotiva direi che è sotto pressione più che mai, forse in certi momenti messa totalmente ko, a tal punto da perdere ogni fiducia e voglia di lottare, il che cancella completamente ogni fonte di speranza.  Fisicamente, devo dire di non aver vissuto notevoli cambiamenti, a parte a volte una sensazione di gonfiore addominale, ma che seguendo le indicazioni del Dr. Tripodi e delle ostetriche sono riuscita a eliminare con facilità.

Ho capito verso la fine del percorso che avrei dovuto darmi più merito, nel senso che affrontare un percorso del genere vuol dire avere coraggio, avere un desiderio di maternità così profondo, che trova la forza di superare le ostilità, non è facile anche se non impossibile.

Io e Giorgio, abbiamo deciso di andare a convivere dopo 1 anno di relazione. Siamo stati convinti sin da subito che la nostra fosse la storia d’amore eterna, l’uno per l’altro. Oggi, sono ben 8 anni che  stiamo insieme e soprattutto dopo quello che abbiamo passato, sono certa che non facilmente ci lasceremo. Dopo qualche esame di controllo, essendo stato Giorgio operato a 18 anni di varicocele, abbiamo visto come la sua situazione non fosse delle migliori. Quindi abbiamo deciso con tranquillità di rivolgerci subito ad un centro d’infertilità. Dopo tutto l’iter da dover eseguire, esami, controlli, pick up e, purtroppo, vari transfer, eccomi qui a testimoniare la gioia di avere Camilla. Oggi nel giorno del suo diploma d’asilo, nel guardarla non ho potuto non ripercorrere tutto ciò che abbiamo affrontato per arrivare a quel fatidico…beta positivo!

Ad ogni modo, il motivo per cui mi ritrovo oggi a scrivere la mia storia, è legato alla mia esperienza. Quando stavo affrontando il percorso, ed ero soprattutto, nei momenti di sconforto totale, mi leggevo le storie del blog. Mi sono state molto d’aiuto, perchè oltre a vedere che nonostante le difficoltà si riusciva ad ottenere la gravidanza, non mi sentivo la sola e l’unica ad affrontare tutto questo. Ed ecco per questo che spero di essere d’aiuto come le altre storie lo sono state per me.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *