donna triste

Sono stata ossessionata dal risultato delle beta. Ho collezionato non so quanti esiti negativi, tutti con un solo nome. Negativo. Una sola parola che ti schiaccia e scaraventa con violenza nel gelido silenzio e assordante vuoto. una sola parola, per definire che è tutto finito, il sogno di diventare genitore.

Mi presento, mi chiamo Manuela ed ho lottato 8 anni per poter ottenere la mia amata gravidanza. Ci sono riuscita, si, ma chi vive e attraversa la difficoltà, il limite della procreazione, non potrà mai dimenticare la sofferenza che c’è dietro. Mi sono rivolta al primo centro di procreazione assistita dopo 5 anni. Non avevamo il coraggio di ammettere a noi stessi di avere un problema, figuriamoci ammetterlo agli altri ed agli specialisti! Così, abbiamo perso 5 anni. Molti mi dicono di non averli persi, perchè alla fine è arrivata la mia gioia e che magari dovevamo attraversare questa strada, sicuramente rispondo, ma vuoi mettere avere 5 anni in meno per le mie ovaie adesso!? Perchè quando entri nel mondo della PMA, poi sei ossessionata da tutto, ogni mese è un mese in più che ti “invecchia le ovaie”, così mi veniva, “gentilmente” riferito a Milano. E’stato il primo centro, dove abbiamo solo speso soldi, tempo, coraggio, ma soprattutto speranza. Li ho collezionato ben 6 beta negative, ormai era quasi più che scontato che ad ogni transfer c’era un negativo ad aspettarmi. L’ ho definita così, la mia storia infinita con le BHCG negative, sempre dietro la porta ad aspettarmi. Non è stato semplice mandar giù tutto questo. Fare i conti con la delusione di non poter avere un figlio naturalmente. Però ci siamo ricaricati di forza, speranza e amore e abbiamo deciso di riprovare a fare la fivet, in Calabria, così arriviamo al Gatjc di Gioia Tauro. Tutto ha avuto inizio con la prima consulenza, nella quale abbiamo deciso quale percorso intraprendere. E così è stato, mettiamo nero su bianco il nostro percorso,ed impauriti ma fiduciosi lo iniziamo subito. In realtà i primi due tentativi non sono andati a buon termine. Dopo le ennesime beta negative, adesso siamo in attesa di Giorgio, che dovrà nascere proprio tra qualche giorno.

Manuela

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *