donna femminino dono

Salve a tutti, mi chiamo Marta e sto contando i giorni affinchè il 2018 passi in fretta! In realtà, non è che anche gli altri anni siano stati migliori…perchè, sono 6 anni ormai, che vivo in funzione di tutto ciò che riguarda il mondo della PMA. Ad ogni modo, il motivo per cui vorrei che quest’anno finisse in fretta, è perchè mi sono ritrovata ad ottenere due volte la gravidanza ma a dover dire addio ai miei piccoli embrioncini nei giro di qualche settimana. Infatti, nonostante la gioia di aver ottenuto le beta positive, ho vissuto l’abisso che si prova a dover effettuare due raschiamenti. Ti trovi a dover eliminare dal tuo corpo, quello che hai desiderato profondamente! Credetemi, questa è davvero un’ingiustizia doppia, per chi già per ottenere una gravidanza deve ricorrere alla procreazione medicalmente assistita. Sono stati questi due episodi in quest’anno che mi hanno messo davvero alla dura prova. Ho impiegato già del tempo per avvicinarmi all’idea di dover effettuare stimolazioni, prelievi ovocitari, transfer e chi più ne ha più ne metta, pur di avere un figlio. Con tanta difficoltà ci sono riuscita ed ogni volta ho trovato il coraggio di partire…e ripartire, soprattutto! Perchè la vera difficoltà è ripartire dopo i beta negativi, dopo tutte le cose che sembra vadano al contrario, pur di farti perdere tempo. Ecco perchè quest’anno è da cancellare per me, perchè per due volte ho sfiorato la gioia della maternità. Sono ancora molto arrabbiata e triste per non poter stringere a me sempre, e soprattutto allo scoccare della mezzanotte, il mio bambino e non capirò mai perchè per ad alcune donne questo debba essere vietato. Nonostante tutto questo, non ho alcuna intenzione di mollare, quindi, mio caro 2019, ti aspetto con la speranza nel cuore, perchè se per ben due volte ho sfiorato la felicità, la prossima volta la terrò stretta a me per sempre.

Auguro a me stessa per questo nuovo anno, di mantenere la forza ed il coraggio nonostante le avversità.

Auguro a tutte le donne che hanno la mia stessa sofferenza nel cuore, di affrontare le difficoltà pensando all’amore che provano dentro, per quel figlio ancora non nato. Vedrete, sarà la vostra forza motrice.

Marta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *